Servizi rivolti alle imprese ed ai privati

AVI - Associazione Visuristi Italiani

L’AVI -ASSOCIAZIONE PROFESSIONALE ESPERTI VISURISTI ITALIANI – è l’unica associazione italiana che “raccoglie” i visuristi. L’associazione in virtù della legge 4/2013, è iscritta al Ministero dello Sviluppo Economico, assumendo in tal modo la responsabilità dei propri iscritti nei confronti degli utenti. In coerenza con la legge stessa l’AVI ha il compito di certificare le competenze degli associati e di programmare corsi di aggiornamento. AVI è inoltre riconosciuta dal Ministero della Giustizia, di concerto con il Ministero per gli Affari Europei, ai sensi dell’art. 26 del D. Lgs. 9 novembre 2007 n° 206 . Non da ultimo, va ricordato che tutti i soci iscritti all’AVI hanno l’obbligo di avere un’assicurazione fonts professionale. A questo riguardo, le statistiche indicano un indice di sinistri negli ultimi dieci anni pari all’uno per mille con valori sotto i 5.000 euro e quasi inesistente per valori superiori a conferma della certezza del dato che il socio AVI è in grado di fornire al proprio cliente.

Guarda il nostro spot

CHI E’ IL VISURISTA IMMOBILIARE

Si definisce "visurista" il professionista che viene di volta in volta incaricato da notai, legali, amministratori di condominio, Tribunali in qualità di ausiliari dei Giudici, banche ,Comuni, società di recupero crediti, imprese, Consulenti Tecnici d’Ufficio (architetti, ingegneri, periti industriali, geometri, commercialisti, ragionieri, centri fiscali di sindacati, patronati e privati cittadini che vi si rivolgono per eseguire visure o ricerche presso i competenti uffici territoriali al fine di ottenere un dato certo e preciso in merito ad un soggetto o a un immobile circa la titolarità del bene. L’attività viene svolta avendo maturato competenza ed esperienza, in molti casi infatti , effettuare una corretta rolex submariner replica watches consistenza immobiliare è molto complicato e i rischi di errore dovuti alla complessità dei dati tra le singole note e quanto risulta dal catasto sono molto alti. Si consideri poi che vi sono molte regole sulle competenze di trascrizione: i comuni corrispondono per provincia solo in catasto ma non per le trascrizioni degli atti (esempio: Calenzano è in provincia di Firenze ma trascrive a Prato). Il catasto dovrebbe fornire la consistenza immobiliare di un soggetto senza indicazione dei gravami ma molto spesso è errato o non aggiornato e la consistenza immobiliare scaturisce dal confronto tra quanto acquistato o ereditato e quanto venduto tenuto conto delle variazioni e frazionamenti intervenuti sugli immobili.

CHE COSA È LA VISURA IPOCATASTALE.

La visura ipocatastale o accertamento immobiliare è una attività di ricerca e analisi che permette di determinare se un soggetto, persona fisica o giuridica è intestataria di beni immobili e se esiste la presenza di gravami sugli stessi. I gravami ad esempio possono essere: ipoteche volontarie, ipoteche legali (Equitalia - servizio riscossione tributi) ipoteche giudiziali (decreti ingiuntivi), sequestri civili e penali, pignoramenti, fondi patrimoniali, citazioni (atto che contesta la titolarità dell'immobile o chiede la conclusione di un contratto preliminare (art.2932 c.c. ecc Secondo quanto disposto dall'art. 2673 c.c. chiunque può accedere agli atti pubblici tenuti dalle Agenzia delle Entrate, Ufficio Provinciale - Territorio, servizio di pubblicità immobiliare (ex Conservatorie dei registri immobiliari) ed eseguire una visura. Le conservatorie nascono con l'unità d'Italia. Precedentemente i catasti erano locali in base ai regni vigenti e all'organizzazione degli stessi.

Eventi e corsi di formazione

Mappa Italia MOLISE EMILIA ROMAGNA VENETO PIEMONTE UMBRIA SARDEGNA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE FRIULI VENEZIA GIULIA CALABRIA ABRUZZO LAZIO VALLE D´AOSTA BASILICATA MARCHE CAMPANIA LOMBARDIA LIGURIA SICILIA PUGLIA

AVI è associata a

CONFASSOCIAZIONI
PROFESSIONI INTELLETTUALI UNITE

News

Seguici su youtube

RSS Feed

MOD. 730: NON E’ PIU’ LUNARE, MA CONTA 152 PAG. ISTRUZIONI

Nulla a che vedere con quanto accadeva qualche decennio fa, quando il “modello 730” fu definito addirittura “lunare”. Da più di qualche anno, fortunatamente, non è più così. Un lavoratore dipendente o un pensionato che voglia recuperare le spese mediche, scolastiche, sportive, universitarie, etc., può farlo in piena autonomia, senza ricorrere a un Centro di […]

SICUREZZA E SOSTENIBILITA’ IN EDILIZIA: CGIA MESTRE FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Evento organizzato da Veneform in collaborazione con CGIA MESTRE e  finanziato da EDILCASSA VENETO GIOVEDI’ 09 MAGGIO 2024 ORE 15.00 – 19.00 presso CA’ DELLA NAVE – Piazza Vittoria n. 14 MARTELLAGO VENEZIA SCARICA LA LOCANDINA ED ISCRIVITI ALL’EVENTO! Verranno presentati i risultati dello studio CGIA MESTRE: I dati degli INFORTUNI e delle MALATTIE PROFESSIONALI […]

DAL 25 APRILE SCATTA IL CONTRIBUTO D’ACCESSO A VENEZIA

Dal prossimo 25 aprile 2024 scatta, in via sperimentale, il contributo d’accesso di 5 euro per entrare (in alcuni giorni ed entro la metà di luglio 2024)  nel centro storico di Venezia. Ti ricordiamo Chi è escluso A norma di Legge, non dovranno pagare il Contributo di accesso i residenti nel Comune di Venezia, i […]

COMPARTO AUTO – INCONTRO ALL’ISITITUTO BERNA – VENERDI’ 19 APRILE

venerdì 19 aprile dalle 13:00 alle 14:00 presso l’Istituto Berna in via Bissuola 93 a Mestre, presentiamo il nuovo laboratorio dedicato agli alunni che seguono l’indirizzo di studio Meccatronico. L’iniziativa è stata possibile grazie al contributo della Camera di Commercio di Venezia Rovigo e della CGIA di Mestre. Al termine (verso le 14:00)  l’Istituto Berna […]

SOS OCCUPAZIONE: ENTRO 10 ANNI -3 MLN DI LAVORATORI

Le previsioni ci evidenziano che entro i prossimi 10 anni la platea delle persone in età lavorativa (15-64 anni) presente in Italia è destinata a diminuire di 3 milioni di unità (-8,1 per cento). Se all’inizio del 2024 questa coorte demografica includeva poco meno di 37,5 milioni di unità, nel 2034 la stessa è destinata […]